Una Sessione di gioco di Texas Hold’Em è composta da una sequenza di singole giocate denominateMani, che seguono ciascuna la seguente meccanica:

Il Mazziere (Dealer)

Nel Texas Hold’Em il mazziere è il punto di riferimento per le varie Mani giocate e normalmente viene indicato con un dischetto sul tavolo detto “Bottone”. Al termine di ogni Mano il bottone si sposta al giocatore seguente in senso orario. Nella prima mano della partita (inizio del torneo) la posizione del mazziere è selezionata in maniera casuale del software al momento del posizionamento ai tavoli dei giocatori.

FASE 1 - LE PUNTATE OBBLIGATORIE - I Bui (Blinds)

Il Texas Hold’Em prevede tre diverse puntate obbligatorie denominate “Piccolo Buio”, “Grande Buio” e “Ante”. Prima che ogni mano abbia inizio (Prima della distribuzione delle carte) tutti i giocatori devono mettere in gioco l’Ante (l’ante non è sempre presente - vedi Struttura Bui); oltre all’ante, il giocatore alla sinistra del mazziere deve mettere in gioco il Piccolo Buio: un ammontare di Chips pari alla metà del Grande Buio, che deve essere messo in gioco dal giocatore alla sinistra del Piccolo Buio.

N.B.: L’ammontare delle puntate obbligatorie può essere variabile nel tempo o fisso e può seguire diverse strutture che definiscono e differenziano tra loro le sessioni di gioco o le varie fasi di una singola sessione (vedi Struttura Bui). In ogni caso nel dettaglio del Torneo, all’interno della Lobby del poker, sono sempre indicati i livelli dei bui con relativa durata.

FASE 2 - IL PRE-FLOP

Successivamente alle puntate obbligatorie vengono distribuite due carte a ciascun giocatore, il quale, dopo averle valutate, ha la possibilità di entrare in gioco o passare, seguendo le regole della meccanica delle puntate. Il turno del giocatore è definito dalla posizione del mazziere e solo nel caso del PreFlop il primo ad aver diritto di azione è il giocatore alla sinistra del Grande Buio, (vedi Puntate).

FASE 3 - IL FLOP

Terminato il primo giro di puntate, vengono mostrate sul tavolo le prime tre carte comuni a tutti i giocatori. L’insieme delle prime tre carte comuni viene chiamato Flop. Si procede quindi al secondo giro di puntate (vedi Puntate), che ha inizio dal primo giocatore attivo (che non ha passato la mano) alla sinistra del bottone.

FASE 4 - IL TURN

Una volta completato il giro di puntate che segue il Flop, viene mostrata la quarta carta comune, il Turn. Si procede quindi ad un nuovo giro di puntate (vedi Puntate), che inizia sempre dal primo giocatore attivo alla sinistra del bottone.

FASE 5 - IL RIVER

Una volta completato il giro di puntate che segue il Turn, viene mostrata la quinta e ultima carta comune, il River. Si procede quindi con l’ultimo giro di puntate (vedi Puntate), che inizia sempre dal primo giocatore attivo alla sinistra del bottone.

FASE 6 - LO SHOWDOWN

Al termine dell’ultimo giro di puntate, il primo a mostrare le carte è colui che ha effettuato l’ultima puntata o l’ultimo rilancio. Se nel giro finale non ci sono state puntate, il giocatore alla sinistra del bottone è il primo a mostrare le proprie carte. Il giocatore con la migliore combinazione di cinque carte vince il piatto (vedi Punti Vincenti).

FASE 7 - L'INIZIO DELLA MANO SUCCESSIVA

Una volta assegnato il piatto è terminata la mano e si procede alla mano successiva, con il bottone che passa in senso orario al giocatore successivo. In ciascuna fase della mano, se, a seguito della puntata di un giocatore, tutti gli avversari ancora in gioco passano, la mano in corso è vinta dal giocatore che ha effettuato la puntata e si procede alla mano successiva.

VARIANTE POKER VELOCE (o Strobe poker). Nella modalità Poker Veloce le regole per l’accesso alla mano successiva sono differenti. I questa modalità di gioco il giocatore che passa la mano viene automaticamente spostato in un tavolo differente. Il giocatore che ha cambiato tavolo potrà partecipare al gioco una volta terminata la mano in corso. Se invece il giocatore partecipa alla mano fino allo showdown, alla fine della partita non cambierà tavolo, ma gli verranno distribuite le carte sullo stesso tavolo.